Indietro

Scampato al lager torna a Pistoia 75 anni dopo

Massimiliano Fischer era molto piccolo quando la madre fu portata ad Auschwitz e il padre venne rinchiuso in un campo di detenzione

PISTOIA — Era il 1944. Massimiliano Fischer aveva quattro mesi e viveva a Prunetta, sui monti pistoiesi, insieme ai suoi genitori, qui internati perché ebrei. 

Il bambino venne allontanato dai suoi genitori: la madre fu portata ad Auschwitz, da dove non tornò più, il padre venne rinchiuso in un campo di detenzione. 

A salvare Massimiliano Fischer fu Ernesto Bragognolo, commerciante di scarpe rientrato a Pistoia dopo un periodo di emigrazione negli Stati Uniti. Lui e sua moglie Rita si presero cura del bambino impedendo che venisse portato nel lager.  Solo qualche anno dopo il babbo di Massimiliano, Otto, rientrò in Italia.

 Dopo gli studi, Fischer si trasferì a Torino e intraprese la professione di commercialista.

Il 18 aprile tornerà a Pistoia in occasione della presentazione dell'ultimo ''quaderno'' della collana Storialocale, dal titolo 'Un paio discarpe per la vita: il percorso della famiglia Fischer daPrunetta ad Auschwitz'' in programma alle 17 alla Fondazione Cassa Risparmio Pistoia e Pescia in via de' Rossi.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it